Quando prendi un libro, hai dei presupposti: sei influenzato dalla copertina, ti ricordi il tuo professore di inglese preferito che lo ha entusiasmato, ti ricordi di averlo visto nelle liste dei bestseller, o forse è stato scritto da un autore che adori.

Sisterland di Curtis Sittenfeld non ha fatto eccezione. Le poche recensioni di Sisterland a cui ho dato un'occhiata prima di leggere il romanzo indicavano che sarebbe stato fantastico come i suoi romanzi bestseller, Prep e The American Wife . Supponevo che mi sarebbe piaciuto questo libro, l'ho persino programmato. E così, a causa di tutti i miei presupposti, mi ci è voluto fino alla fine del romanzo per rendermi conto, OK, mi piace, ma non ne sono del tutto innamorata.

Il romanzo segue Kate Tucker, sia per il tempo presente che per i flashback. Kate ha trascorso la maggior parte della sua vita tentando di reprimere le sue abilità psichiche, mentre la sorella gemella Vi ha imparato a valorizzarle, ostentarle e monetizzarle. Quando Vi prevede che un enorme terremoto farà impazzire la loro città natale di St. Louis, Kate è costretta a riconciliarsi con sua sorella e ad affrontare le verità sul suo passato.

Il motivo per cui non sono in grado di dire la L-parola a Sisterland è che per tutto il romanzo mi è stato lasciato sopraffatto. Gestire la cosa psichica (ne parleremo più avanti) non è stato un problema, ma l'aggiunta di gemelli, un'infanzia travagliata, una predizione di terremoto, matrimonio interrazziale e discriminazione razziale, tensioni coniugali, morte, maternità, spostamento e ricominciare in una nuova città, emergente età adulta, trovando la tua strada nel mondo, genitori anziani

...

Non ero sicuro che sarebbero atterrati. Prima che potessi seriamente pensare alle implicazioni di un tema, come le narrazioni sul nostro passato e le nostre famiglie che stiamo cercando di convincere il mondo a credere, Sisterland si è affrettata ad affrontare un argomento nuovo e drammatico.

Ad un certo punto, Kate ruminò: "Rendendo il gusto del mirtillo, ho esitato nel considerare la logistica del nostro pasto imminente e mi chiedevo se mi avessero distrutto la vita." Come i pensieri di Kate, le azioni e i temi vacilla costantemente attraverso il romanzo. Senza rivelare nulla di importante, questo era particolarmente vero nell'ultimo quarto del romanzo quando sembrava che ogni pagina contenesse elementi multipli e mutevoli. Trovare il mio passo era una sfida.

Una piacevole sorpresa del romanzo, tuttavia, era la presentazione naturale, riflessiva e non del tutto ingannevole delle abilità psichiche di Kate e Vi. I gemelli descrivono le loro abilità come "sensi", che è apparentemente come li presenta Sittenfeld. Non ci sono sfere di cristallo, foglie di tè o sbuffi di fumo colorato, semplicemente il senso di una verità sconosciuta o di un evento imminente. In una scena, Kate si rende conto della data del terremoto previsto da Vi: "Mi sono addormentato dopo le cure del mattino di Owen ma mi sono svegliato molto prima di quello successivo. Pensavo fosse quasi il mattino, ma quando premetti il ​​piccolo pulsante sull'orologio, Non avevo ancora quattro anni, chiusi gli occhi e appena li apri li riaprii, il 16 ottobre, pensai, quello sarebbe stato il giorno del terremoto di Vi. "

In definitiva, gli elementi psichici rappresentavano i segreti e le stranezze che ogni famiglia nasconde o cerca di nascondere. Per quanto Kate cerchi di aggrapparsi alla normalità, semplicemente non è possibile, e mi rimane il senso (non è il gioco di parole) che se ci venisse permesso di entrare in testa ad alcuni personaggi con uno sfondo apparentemente più "tipico" troveremmo che hanno anche la loro giusta parte di segreti e stranezze. Inoltre, nonostante tutta la connessione psichica, Kate è riuscita a costruirsi una vita sorprendentemente normale e vaniglia: è una mamma casalinga con due bambini dolci. Lei vive in periferia. È sposata con un professore di scienze. Le piace il gelato. Lei lotta con l'insicurezza. I sensi sono semplicemente presentati come un altro aspetto del suo personaggio.

Sebbene la qualità della scrittura di Sittenfeld sia rimasta elevata, i suoi personaggi si sono dimostrati dinamici, e mi è piaciuto leggere il romanzo, vorrei che Sittenfeld avesse cercato di affrontare meno argomenti e lasciato più spazio per la riflessione.

Questo non significa che non sono più un fan di Sittenfeld o che ho intenzione di dimenticarla presto. In realtà, non vedo l'ora che i suoi prossimi progetti, l'odierna Pride and Prejudice e il sequel di Prep. Tuttavia, si è dimostrato un buon promemoria per non lasciare che i presupposti intralcino un'interazione autentica con un romanzo. Non è necessario amare alcun libro, anche se è un classico o scritto da uno dei nostri autori preferiti. Forse amerai questo. Io, per esempio, mi è piaciuto.