In meno di una settimana, oltre un milione di persone nel Regno Unito hanno firmato una petizione per chiedere l'annullamento della visita di stato di Donald Trump, alla luce del suo recente ordine esecutivo che istituisce un divieto di viaggio musulmano negli Stati Uniti. Anche se dobbiamo ancora vedere se questa petizione avrà l'effetto desiderato, molti si chiederanno: le petizioni hanno davvero un impatto? E qualcuno ha mai lavorato davvero?

La risposta a questa grande domanda è: a volte. Per capire meglio questo punto, potremmo guardare alla più grande petizione nella storia del Regno Unito. Le petizioni cartistiane - che chiedevano una varietà di riforme, tra cui il suffragio universale - sono state fisicamente trasportate in Parlamento in diverse occasioni all'inizio del XIX secolo; una petizione era così grande che "è stata rotolata sul pavimento della casa come una potente palla di neve", con un massimo di 3, 3 milioni di firme fisiche.

Il governo, tuttavia, respinse interamente la petizione. Questo è il problema delle petizioni: riuscire a lavorare effettivamente dipende da fattori come il problema oggetto di petizione, i media e la pressione politica in merito alla questione, lo stato generale dell'opinione pubblica sulla questione e se l'istituzione oggetto di petizione sia o meno vulnerabile alle conseguenze proposte dalla petizione.

Le imprese, ad esempio, hanno maggiori probabilità di piegarsi alle petizioni perché rischiano di perdere molto dalla pubblicità negativa. I governi, al contrario, storicamente sono meno propensi a rispondere a una petizione per conto proprio. Un elenco di sette petizioni di Change.org che hanno portato alla risposta della Casa Bianca, ad esempio, non significa che in ogni caso, è stata la petizione a rompere il dorso del cammello - è anche possibile che l'amministrazione stia pensando di fare qualcosa per il problema comunque e la petizione ha appena aggiunto slancio.

A partire da ora, il governo del Regno Unito continua a invitare Donald Trump, nonostante le proteste di massa e il continuo rilancio della petizione. Ma ciò non significa che le petizioni siano un'inutile perdita di tempo - a volte portano a risultati molto reali. Diamo un'occhiata ad alcune recenti petizioni che hanno creato un vero cambiamento. Il clicktivismo, come viene talvolta chiamato, è più sfumato di quanto potrebbe sembrare a prima vista.

Leggi migliori che governano la cura dei bambini disabili

Le petizioni spesso creano i più grandi spruzzi quando sono mirate a particolari abusi e offrono soluzioni specifiche - e la campagna di Valerie Wood-Harper ne è un buon esempio. Ha prodotto una petizione di grande successo su Change.org chiedendo un'indagine sulla morte del suo fratello disabile Quinten, il cui caso è stato in seguito accertato essere stato maltrattato dall'agenzia per l'assistenza all'infanzia dell'Oklahoma. Quinten è morto a causa della negligenza del padre - che sarebbe stato accusato e condannato a causa dello sdegno creato dalla petizione e dell'attenzione dei media che aveva ricevuto.

E la morte di Quinten avrebbe avuto ulteriori conseguenze: ha prodotto anche il Quinten Douglas Wood Act del 2014, in cui i funzionari per il benessere dei bambini nello stato dell'Oklahoma possono classificare i bambini disabili nella stessa categoria dei bambini o incapaci di comunicare e accedere alla frequenza scolastica e gli archivi del medico per individuare possibili segni di negligenza.

Leader gay autorizzati a partecipare ai boy scout

Nel 2012, una delle più grandi petizioni americane dell'anno è stata incentrata sui Boy Scouts. Gli Scout hanno continuato a escludere gli scout e i leader gay dalla loro organizzazione, nonostante le pressioni degli attivisti - così gli attivisti hanno iniziato a concentrare la loro protesta altrove: sulle società che hanno finanziato i Boy Scouts. Le petizioni hanno preso di mira una serie di aziende che hanno supportato gli Scout, chiedendo che tirassero i loro fondi a meno che il gruppo non cambiasse le loro politiche.

È stata una mossa di successo: molti degli sponsor aziendali, sotto una tremenda pressione pubblica, hanno tirato fuori i loro finanziamenti. E sebbene la petizione non possa essere accreditata solo con le modifiche che seguono - le questioni legali hanno avuto un ruolo importante - hanno probabilmente contribuito a preparare il terreno per i cambiamenti che si sono verificati nei prossimi anni.

Nel 2013, l'organizzazione ha iniziato a consentire la partecipazione di esploratori apertamente gay. Tre anni dopo, nel 2015, i Boy Scout si inchinarono al peso dell'opinione pubblica - e alla perdita della sponsorizzazione aziendale - e permisero ai gay scoutmaster e ai consiglieri (anche se alcune truppe sono ancora autorizzate a discriminare).

Libertà per Meriam Ibrahim

Meriam Ibrahim, una donna cristiana sudanese incinta, è stata messa nel braccio della morte in Sudan per il reato di "apostasia" - per aver sposato un uomo cristiano. Una parte enorme della lotta pubblica contro la sentenza di Ibrahim si è incentrata su una petizione diffusa da Amnesty International, che ha ottenuto una diffusa attenzione da parte dei media, oltre un milione di firme, e ha scatenato la condanna dei governi di tutto il mondo. La conseguente potenziale fila diplomatica convinse le autorità sudanesi a liberare Ibrahim, che fuggì prima a Roma (dove incontrò il Papa) e poi in America, dove suo marito ha la cittadinanza.

Il caso ha ricevuto un'enorme attenzione nei media statunitensi ed è stato celebrato come una vittoria per la pressione e la consapevolezza dell'opinione pubblica.

The Californian Recall Election Of 2003

Nel 2003, gli americani furono scioccati nello scoprire che una petizione di 1, 3 milioni di californiani aveva portato all'elezione di Arnold Schwarzenegger come governatore. La "petizione di richiamo", come è ufficialmente conosciuta in politica, è stata la prima di successo nel suo genere nella storia della California.

Nel caso in cui questo episodio è passato dalla tua memoria, la petizione è stata organizzata da politici che speravano di cacciare l'impopolare governatore Gray Davis, che aveva appena prestato giuramento di nuovo mesi prima. Il pubblico era enormemente contro Davis, e i firmatari sono riusciti a ottenere le 900.000 firme necessarie per le elezioni di richiamo (e diverse centinaia di migliaia, per l'avvio) con l'aiuto di iniezioni di denaro e di una stampa locale solidale. Risultato: Davis fuori, Schwarzenegger. Se il Governatore si mette mai in giro per correre per il Presidente, possiamo dire con serietà che è stato spinto lì da una petizione.

Nessuna tassa per avere semplicemente carte bancomat

La Bank of America ha ritirato le politiche sulle carte di debito nel 2011 dopo una petizione di un 22enne. La banca, al momento, proponeva un addebito mensile di $ 5 per avere una carta di debito, una politica che aveva scartato dopo che Molly Katchpole aveva presentato una petizione contro l'idea. 300.000 persone hanno finito per firmare la petizione, i media sono stati coinvolti e la Bank of America ha rimosso la sua idea.

Mettere donne storiche su banconote

La campagna del 2014 nel Regno Unito di mettere le donne storiche sulle banconote ha avuto un paio di aspetti interessanti. Uno era che la campagna non si limitava solo alle petizioni. L'ideatore della campagna, l'attivista femminista Caroline Criado-Perez, ha lanciato una petizione in risposta al fatto che la Banca d'Inghilterra ha emesso nuove banconote senza una sola faccia storica femminile. Rapidamente guadagnò molto terreno, ma la stessa Criado-Perez notò che la petizione stessa era solo l'inizio, risultando in una "pacca sulla testa" e "grazie per il suggerimento" una sorta di risposta; " la vera pressione proveniva dal sostegno politico e dalle minacce di azioni legali.

I risultati sono stati anche intriganti. È stata una campagna di grande successo; la nuova nota da £ 10 includerà Jane Austen, mentre una nuova nota scozzese da £ 5 includerà la scrittrice scozzese Nan Shepard. Inoltre, tuttavia, ha portato a un disgustoso scoppio di minacce di violenza sessuale contro Criado-Perez sui social media, che hanno portato a pene detentive per diversi troll.

Tutto ciò dimostra che le petizioni non sono solo un grido inutile nel vuoto. Certo, a volte non fanno altro che rendere la persona che firma sentirsi come se avessero fatto la loro buona azione per la giornata; ma a volte possono avere conseguenze molto reali.