L'Hip Hop ha sicuramente avuto la sua influenza culturale e ha indubbiamente lasciato il segno nel settore della moda. Dalla sua nascita nei primi anni '80, le immagini di break dancers e MC sono state radicate nella nostra mente, nelle playlist e nello stile. Proprio sull'orlo della moda la gente che accoglie gli anni '90 a braccia aperte arriva una nuova mostra hip-hop al Museum of the City di New York che ci aiuterà a rivivere i tempi mentre torniamo a Reeboks e ai jeans della mamma.

L'esposizione, intitolata Hip-Hop Revolution, è prevista per l'apertura il 1 ° aprile. I curatori hanno selezionato fotografie di Janette Beckman, Joe Conzo e Martha Cooper, che hanno avuto il loro posto in prima fila nell'evoluzione dell'hip-hop. Dalle foto classiche di Queen Latifah alle caramelle piene di energia della break dance di High Times Crew al di fuori di una stazione della metropolitana, la mostra sicuramente mostrerà che la New York Fashion Week e Barney's non sono le uniche influenze di stile e moda che vengono provate e fedele alla grande mela. Soprattutto da quando l'hip-hop è riuscito a portare la sua influenza sulle passerelle negli ultimi anni.

La cultura di strada che la moda mainstream non sembra sradicare dai suoi scaffali di vendita alle sue ultime collezioni di prêt-à-porter, è probabilmente radicata nelle persone alla moda che si sono evolute durante l'adolescenza dell'hip hop. È interessante notare, tuttavia, che i veri catalizzatori di ciò che viene sfodato alla moda hip-hop si stavano disegnando come un modo per sovvertire la moda mainstream. Spesso portavano al massimo le insegne dei marchi di fascia alta; pantaloni e camicie oversize a dondolo; e ha fatto praticamente di tutto per esprimersi attraverso i loro testi, le loro filastrocche e lo stile senza alcun interesse su quello che c'era nelle vetrine sulla 5th Avenue.

Tuttavia, le grandi case discografiche hanno sicuramente preso l'abitudine di adottare la cultura hip hop, arrivando persino a costruire una grande parte del loro marchio fuori dalla cultura, come Alexander Wang, Hood By Air e Public School di New York. Anche Karl Lagerfeld e Raf Simons si sono cimentati nel rinnovare la moda hip-hop con le loro melodie. Ma quello che noi bambini degli anni '90 conosciamo molto bene è lo stile inevitabile e influente dell'hip hop che merita il vero merito.

Avrai tempo di incentrare la tua poetica sull'hip hop per tutta l'estate, dato che la mostra Hip-Hop Revolution sarà in mostra fino al 13 settembre. Ma è ovvio - e la storia dimostra - che l'influenza e lo stile di alcuni dei più ambiti cultori dell'hip-hop ci ispireranno sicuramente negli anni a venire.