La violenza a Charlottesville, in Virginia, è stata in gran parte attribuita ai supremacisti bianchi e ai neonazisti che hanno marciato in tutta la città con cartelli odiosi e cantando bigotti. L'autista della macchina che ha ucciso un contro-manifestante e ferito 19 avrebbe avuto legami con i gruppi di odio. Ma quelli nell'estrema destra stanno puntando il dito in un'altra direzione, verso il movimento Antifa, un gruppo che era anche presente a Charlottesville.

Antifa, che sta per antifascista, è stato accusato da alcuni a destra, tra cui Richard Spencer di aver attaccato i manifestanti di estrema destra. Il gruppo si considera un difensore contro il fascismo e il razzismo e ha visto il suo inizio negli anni '30 in Europa. Dopo la seconda guerra mondiale, il gruppo non ha avuto molto da protestare, ma ora che il presidente Donald Trump è salito al potere, ei nazionalisti bianchi si sentono più liberi di tenere questi raduni, sono venuti fuori in forze, a volte forza fisica, per contrastare questo movimento.

A Charlottesville, il gruppo ha partecipato a una contro-protesta secondo i conti su Twitter. Jeff Giesea, che è un sostenitore di Trump secondo il suo profilo Twitter, ha pubblicato un video di un manifestante ferito di estrema destra che sostiene essere stato attaccato da un membro di Antifa. Sarah Posner di Rolling Stone, non ha riferito di aver assistito ai membri di Antifa che attaccavano i manifestanti di Unite the Right, ma ha ammesso che alcuni "portavano bastoni e bastoni". Un manifestante antifa ha detto a Posner che hanno anche recitato parole come "No, odio, niente KKK, niente Stati fascisti".

Mother Jones ha coperto il movimento un paio di volte, e ha parlato con persone che hanno piani per rispondere violentemente ai suprematisti bianchi e altri a destra che sono diventati incoraggianti nell'era di Trump. "Penso che molte persone si stiano rendendo conto che non si può essere neutrali", ha detto a Mother Jones uno dei sostenitori delle convinzioni di Antifa, "Molte persone si stanno rendendo conto che devi scegliere una parte e andare in guerra “.

Una delle prime azioni visibili del gruppo è stata l'Inauguration Day. Esistono connessioni tra Antifa e il movimento Disrupt J20. Questo è il gruppo che ha cercato di interrompere l'Inaugurazione a Washington. La maggior parte delle loro azioni è stata pacifica, ma circa 200 manifestanti sono stati arrestati per atti vandalici e scontri con la polizia, lanciando blocchi di cemento, mattoni e altro ancora. Altri hanno dato fuoco a scatole di giornali e bidoni della spazzatura.

Questa è una delle prime azioni, ma probabilmente non sarà l'ultima. Domenica a Seattle i supremacisti bianchi si sono scontrati con contro-manifestanti. La polizia è intervenuta per impedire loro di ferirsi a vicenda. Se tali proteste e contro-proteste continueranno, probabilmente riapparirà Antifa, che protesta contro i supremacisti bianchi ancora e ancora.